Bissa bògoea ABISSO VERDE

Paolo Fiorindo
Uan Men Sciò

CdIAV-CQM Locandina Paolo Fiorindo presenta BissaBogoea~AbissoVerde - 20150624

Cabarè Quota Mare - Teatro Giardino

La saga letteraria della mitica anguana liventina, la meravigliosa creatura albina
che appare e scompare tra acque profonde e rive infide della Livenza.
Chi la vede e la sente cantare può dire addio alla vita.

L’amore è una bestia crudele
che sale
silenziosa dal profondo,
morde e avvelena il sangue.

Dopo lungo tempo passato a esplorare bestiari medievali,
dipinti orridi nascosti in chiesette celate
dagli argini, archivi, testi ottocenteschi e contemporanei
di psichiatria e psicologia...
dopo aver ascoltato con attenzione le confessioni più segrete
e i discorsi più bizzarri,
dopo aver indagato sui cimiteri umani ancora esistenti
o eternamente sepolti,
ecco qua Bissa bògoea ABISSO VERDE
(Biesse edizioni, Euro 10).

Un amore mai spento, un prete filosofo,
il cadavere di una donna che torna dall’America,
una perpetua con una storia violenta di guerra.
E poi lei, l’apparizione, l’anguana albina tra sogno e realtà.
Un romanzo torbido, fosco e contorto, ambientato fra Torre di Mosto, Boccafossa,
San Stino e poi più su, fino alle sorgenti della Livenza;
una storia lunga più di trent’anni, che inizia nel 1973 ed esplode nel 2008.

Una strana ragazza appena diciottenne che
arriva in paese, un giovane che da grande sarebbe diventato pittore, una
presenza orrida di là, nella stanza buia, fra tanfo di marcio e acqua guasta.
Ora guardatevi attorno: la realtà è troppo assurda perché ve ne possiate
accorgere.