Appuntamenti

Reinventiamo il Guardaroba - GIUGNO IV

Corso di Taglio e Cucito
di Nicoletta Lucerna

Lunedì 24 Giugno 2019 - 10:00

Laboratorio di Sartoria Creativa - Nicoletta Lucerna - Reinventiamo il Guardaroba - Tutti i LUNEDÌ

Tutti i Lunedì,
dalle ore 10:00 alle ore 12:30
Corso di Taglio e Cucito di Nicoletta Lucerna
(la Costumista de I Antichi, nonché Artista della Corsetteria
per trasformare ringiovanire riciclare restaurare reinventare
il guardaroba.
Trucchi, idee, soluzioni
Per informazioni:
WHATSAPP: TRE OTTO OTTO - SETTE QUATTRO QUATTRO - QUATTRO DUE - SEI SEI

Per partecipare al corso
è necessario
iscriversi a I Antichi!

Laboratorio, Sartoria

I Antichi all'Elba

Cosimo de Medici
e Ultima Turnè

Sabato 22 Giugno 2019 - 18:00, Lunedì 24 Giugno 2019 - 18:30

20190622 - Tanto Gagliardo - I Antichi all'Isola d'Elba per Cosimo de Medici

I Antichi in trasferta all'Isola d'Elba per le celebrazioni del cinquecentenario della nascita di Cosimo I de’ Medici, secondo ed ultimo Duca di Firenze, dal 1537 al 1569 e, con l’elevazione del Ducato di Firenze a Granducato di Toscana, il primo Granduca di Toscana, dal 1569 fino alla morte, nel 1574. Durante il suo governo, Cosimo I de’ Medici lasciò segni indelebili su tutto il territorio della Toscana e in particolare all’Isola d’Elba in cui fece costruire Cosmopoli: una delle più meravigliose e importanti città-fortezza marittime del Mediterraneo. Ereditato il titolo di duca di Firenze a soli diciassette anni d'età, nonostante l’appartenenza ad un ramo secondario della famiglia, in poco tempo conquistò sempre più spazio e preminenza politica, dando in seguito avvio anche a una condotta contrassegnata da chiare mire egemoniche, se non addirittura espansionistiche. Diede al Granducato di Toscana l’impostazione di Stato a partire dai contatti diplomatici fino alla costruzione di palazzi e fortezze.
Il Cinquecentenario della sua nascita è un evento molto importante per l’Isola d’Elba e viene festeggiato con passeggiate nella città storica, concerti, esposizioni d’arte, convegni e rievocazioni storiche per ricorrere il percorso che portò alla costituzione di Cosmopoli.
Tra gli eventi anche la momaria "Tanto gagliardo che più non si può dir", organizzata dal Lions Club Isola d'Elba nell'incantevole cornice del Chiostro del Forte Falcone a Portoferraio, nel cuore dell'antica Cosmopoli. La momaria, scritta e interpretata da Roberto Bianchin, Gran Priore onorario de I Antichi, coadiuvato da Marino Sartori, Bailo de I Antichi all'Elba, accompagnati al clavicembalo da Lina Raciti. Con un concerto di musiche d'epoca del gruppo Ars Regia (Cristiano Cei, liuto; Bianca Barsanti, soprano) e le scenografie dell'associazione Historia. Introduzione di Giuseppe Massimo Battaglini; guida e voce narrante Lionello Ballestrini.

Approfittando della trasferta, lunedì 24 alle ore 18:30, Roberto Bianchin presenta anche il suo nuovo irresistibile romanzo "Ultima turnè", primo premio "Gian Antonio Cibotto 2019", in piazza della Repubblica a Poroferraio nella libreria Mardilibri. Presenta Marino Sartori.

Isola d'Elba, trasferte

Storie e Pratiche di Cucina - GIUGNO IV

Laboratorio di Culinaria con Esercizio di Lingua Italiana
in collaborazione con Istituto Venezia

Giovedì 27 Giugno 2019 - 17:00

Storie e Pratiche di Cucina - Istituto Venezia - Ateneo della Cucina Veneziana - GIUGNO 2019

QUESTA SETTIMANA

La terra di Sardegna. Polipo alla sarda. Ravioli di patate, pecorino e menta. Pardulas (dolci alla ricotta).

Il Giovedì in Cucina con l'Istituto Venezia per una serie di appuntamenti settimanali di Storia della Cucina Veneziana (e non solo) attraverso la storia e la geografia. Si cucina, si mangia, si beve, si studia (poco). Dalle ore 17:00 alle ore 21:00 con Anna Santini e Andrea Michelon.

Studenti dell'Istituto e Soci della Compagnia de Calza: € 40
Tutti gli altri: € 50

Iscrizioni e Prenotazioni presso Istituto Venezia.

Ateneo della Cucina Veneziana, Laboratorii

Ultima notte Mia

con Erika Urban

Venerdì 28 Giugno 2019 - 20:00

Erika Urban - Ultima notte Mia - Venerdì 28 giugno ore 20:00

Ultima notte Mia
Mia Martini è stata trovata senza vita, riversa sul suo letto con le cuffie ancora sulle orecchie, una mattina del maggio 1995. Stava lavorando ad una sua canzone. La vita di Mia Martini è un esempio di come l’ignoranza e l’invidia possano distruggere non solo la carriera di una persona, ma la persona stessa. Moltissime cose si sono dette sulla sua morte. Poche vere o plausibili ma tutte clamorose. Pur senza ignorarle, l'intento dell'autore non è la ricerca di una qualche verità o la una soluzione di un giallo. Tratto dal romanzo di Aldo Nove "Mi chiamo..." (Skira, 2013), questo monologo celebra la vita di un'artista che ha provato a ribellarsi, è il racconto di quella storia, dei suoi sogni infantili, della sua famiglia lacerata.

Erika Urban
Veneziana d'origine, vive e lavora a Milano. Diplomata alla Scuola del Teatro Stabile di Torino, con la direzione di Luca Ronconi. In teatro ha lavorato con registi come lo stesso Ronconi , Marco Baliani, Antonio Calenda, Giorgio Barberio Corsetti, Tonino Conte, Giorgio Gallione, Gabriele Lavia, Pierpaolo Sepe e Federica Santambrogio . Nel 2002 vince il premio "Aquilegia blu" come miglior autrice. Protagonista dello spettacolo teatrale "Ultima notte Mia. Mia Martini. Una vita" scritto da Aldo Nove per la regia di Michele De Vita Conti. Attrice anche per il cinema con Marco Bellocchio, Dario Piana, Lucio Pellegrini, Marina Spada e Peter Greenaway; in televisione lavora con Marco Turco, Riccardo Donna e Stefano Sollima. Nel 2001 vince il premio come miglior attrice al festival di Pisticci per il cortometraggio "La colazione" di Elena la Ferla.

Piccolo Teatro Giardino Veneziano